Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

29 ottobre 2012

L'islamofobia nei politici svizzeri

Di Simon Bradley, swissinfo.ch, 22.10.2012

Il razzismo politico alza la cresta

Tweet islamofobici, attacchi contro gli stranieri su Facebook, blog, manifesti e TV: recenti episodi che coinvolgono politici, nel momento in cui la Svizzera si appresta a sottoporsi all'esame del Consiglio dei diritti umani, fanno riflettere.


Negli ultimi mesi vari presunti casi di discriminazione di stranieri e musulmani nei quali sono coinvolti personaggi politici, principalmente dei membri dell'Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice), sono saliti alla ribalta delle cronache.

Tra questi figura il caso del deputato nazionale UDC Alfred Heer, nei cui confronti la Procura pubblica di Zurigo, alla fine di settembre, ha aperto un procedimento per violazione della norma antirazziale. Il parlamentare e presidente della sezione cantonale zurighese dell'UDC è stato querelato da due tunisini in relazione a dichiarazioni che ha rilasciato all'emittente locale "Tele Züri".

28 ottobre 2012

Ghurabah - straniero

Disse il Profeta di Allah s.a.a.s. :
"Questo Din (religione) é venuto come straniero è ritornera di nuovo come straniero".

Il sacrificio di Abramo a.s. (26.10.2012 Sermone Eid al-Adha)




Tema: Riconoscere il valore di questa festa attraverso il sacrificio richiesto al Profeta Abramo (a.s.) da Allah l'Altissimo
Sermone Eid al-Adha in italiano dal minuto 19:58


Articoli simili:

25 ottobre 2012

Come proteggersi da Satana il lapidato



10 MODI PER PROTEGGERSI DA SHAYTAN (SATANA)

بسم الله الرحمن الرحيم 
Assalam alaikum wa rahmatuLlahi wa barakatuHu

Lezione dell' Imam Ibn ul Qayyim al Jawziyyah

Riassunto da Bida’i ‘al-Fawa’id (304-308)
1.Cercare rifugio in Allah da Shaytan.

Mi rifugio in Allah contro satana il lapidato
"A'udu biLLah min as-shaytan ar-rajim!"

Allah l’Altissimo ha detto, “E se mai Satana ti dovesse tentare rifugiati in Allah. In verità Egli tutto ascolta e conosce.” [41:36]

22 ottobre 2012

Cimitero islamico di Lugano


entrata cimitero islamico
Assalamu Aleikom

Qui sotto trovate l'ubicazione del cimitero islamico di  Lugano. Per un decesso contattare la nostra associazione o telefonare al numero dell'Imam Jelassi.


"Der Westen verliert die religiösen Werte" - Imam Jelassi - Tessiner Zeitung



Tessiner Zeitung, 19.10.2012

Imam Samir Radouan Jelassi schlägt vor sich bei der Treppe am Haupteingang der Università della Svizzera Italiana (USI) in Lugano zu treffen:“An diesem Tag bin ich sowieso schon dort und dann können wir irgendwo ein ruhiges Plätzchen für das Interview finden.”An der USI ist der religiöse Führer und Gründungsmitgliede der Lega der Muslime im Tessin ein einfacher Doktorand, der mit seinen Kollegen in einem Grossraumbüro für seine Abschlussarbeit büffelt. Anders als es zum Beispiel Luganos orthodoxer Rabbi (siehe TZ vom 31. August) oder der buddhistische Mönch des Centro Menla in Locarno (siehe die letzte Ausgabe der TZ) machen, erkennt man den Imam in seiner Freizeit nicht an seiner Kleidung. 

21 ottobre 2012

LA FINANZA ISLAMICA: Una soluzione alla crisi del debito



Il Modello vincente di un sistema bancario basato sull'etica e sul prestito ad interessi ZERO.

Relatrice: Loretta Napoleoni (economista), conosciuta dai ticinesi per collaborare anche con il domenicale "Il Caffé"

20 ottobre 2012

I dieci giorni di Dhul Hijjah e il giorno di Arafat (19.10.2012 sermone)




Tema: l'importanza dei primi 10 giorni del mese di Dhul Hijjah
Sermone del venerdì. in italiano dal minuto 22:50

"Per l'alba,
per le dieci notti
per il pari e per il dispari
e per la notte quando trascorre.
Non è questo un giuramento per chi ha intelletto?"
[Corano, 89.1-3]


Articoli simili:

19 ottobre 2012

Musulmani vittime di diffamazione e disinformazione

Diffamazione, un film sulle vittime del tritacarne della disinformazione


Da Beppino Englaro a Yussef Nada, “Al Qaeda! Al Qaeda! Come fabbricare il mostro in tv” raccoglie le storie di persone che loro malgrado hanno occupato le cronache degli ultimi tempi. Gli autori: “In una democrazia non è accettabile che il mondo del giornalismo venga inquinato da menzogne costruite a tavolino”

di  | 19 ottobre 2012 
Il Fatto Quotidiano



16 ottobre 2012

AL QAEDA! AL QAEDA! Come fabbricare il mostro in TV


“Quando dici che Saddam Houssein possiede delle armi di distruzione di massa, e vai, uccidi un milione di iracheni, lasci un milione di vedove e 5 milioni di orfani e poi dici “non era vero niente”, dici “non era vero che aveva delle armi di distruzione di massa”. Che cosa puoi dire allora a quelle vedove, a quegli orfani? Che cosa puoi dire loro, che abbiamo fatto un errore?”
Con queste parole inizia il video che vedete sotto, con queste parole che dovrebbero fare riflettere tutti noi, parole che fanno capire con quale facilità e meschina lucidità ci vengono dette delle bugie e vengono generati dei nemici, dei mostri. Solo per creare il consenso alla guerra, alle invasioni.
Diceva Goebbels, non un santo  ma un geniale nazista che sapeva manipolare le masse: “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.”
Questo è quello che hanno fatto con noi, per anni. Da anni. E che stanno continuando a fare. Di contro Goebbels diceva anche “quando sento parlare di cultura metto mano alla pistola” perchè sapeva benissimo che un popolo acculturato, un popolo che sa e che ha i mezzi per pensare in maniera critica (la cultura, appunto) non si lascia abbindolare.

13 ottobre 2012

Le buone e le cattive parole (12.10.2012 sermone)




Tema: ricordare Allah, dire il bene e mai parlare a vanvera o calunniare.
Sermone del venerdì, in italiano dal minuto 18:19

"Non hai visto a cosa Allah paragona la buona parola? Essa è come un buon albero, la cui radice è salda e i cui rami [sono] nel cielo, e continuamente dà frutti, col permesso di Allah. Allah propone metafore agli uomini, affinché riflettano."
[Corano 14:24-25]


Articoli simili:

5 ottobre 2012

Muhammad (s.A.a.w.s) é il nostro imam (05.10.2012 sermone)



Tema: come era il comportamento del Profeta Muhammad (Pace e benedizioni su di lui)?
Sermone del venerdì. In italiano dal minuto 18:27.

Articoli simili:

4 ottobre 2012

Al Yaqin: La certezza in Allah


AL YAQIN

(LA CERTEZZA IN ALLAH)



بسم الله الرحمن الرحيم 
Assalam alaikum wa rahmatuLlahi wa barakatuHu


Corano surat 102 v.5

كَلَّا لَوْ تَعْلَمُونَ عِلْمَ الْيَقِي

“NO! Se solo sapeste con certezza”

Ilm al yaqin è quella scienza che ALLAH swt ha riservato ai credenti.

Certezza in ciò che ci ha informati ALLAH swt e il Suo Profeta sAaws, in fatti  già avvenuti o non ancora avvenuti, nelle questioni della dunya e nelle questioni della akhira

La certezza del credente è una certezza più salda e imponente delle montagne, che non conosce debolezza, né dubbio, né da una parte né dall’altra.

Pertanto  ALLAH ha messo alla prova i suoi servi credenti nel loro Yaqin ed ha detto:

3 ottobre 2012

"Essere occidentali non dà diritto a essere anti-islamici"

di Marco Alloni, dal Corriere del Ticino - versione integrale  

Probabilmente l’atteggiamento che meglio si concilia con la vicenda del film e delle vignette anti-islamiche di questo periodo è quello del cinismo. In gioco è infatti un concetto che solo attraverso il cinismo può trovare una chiara – anche se disarmante – chiave di lettura. Mi riferisco al concetto di “libertà di espressione”, che da una parte e dall’altra si invoca – pro e contra – come grimaldello per giustificare le posizioni in campo.

L’impasse deriva direttamente dall’impossibilità di codificare che cosa sia – rispettivamente che cosa non possa essere – “libertà di espressione”. Un’impossibilità che a ben vedere coincide con l’impossibilità stessa di trovare un concreto terreno dialogico fra Occidente e mondo islamico. Dove comincia e dove finisce infatti la “libertà di espressione”? E soprattutto, è mai concepibile che una qualche ipotetica Carta internazionale sancisca per tutti una definizione univoca del termine? 
Cinicamente non si può rispondere che in modo negativo. Una simile Carta – cioè un simile accordo sul significato univoco da conferire al concetto di “libertà di espressione” – non esiste e non può esistere. Come non esiste e non può esistere una Carta e una definizione univoca del concetto di “offesa delle religioni”. 

2 ottobre 2012

Francia sotto choc: La cantante Diam's si converte all'Islam

La famosa Rapper francese Diam's si converte all'islam, indossa il Hijab e rilascia una intervista a TF1



Qui sotto potete notare quale enorme choc abbia provocato nei media islamofobi francesi

Diam's donne sa première interview voilée

La rappeuse française, qui s'est convertie à l'islam, est apparue entièrement voilée dimanche soir sur TF1 dans l'émission «7 à 8».

1 ottobre 2012

La dolcezza di Muhammad (pbsdl) (28.09.2012 sermone)



Tema: Le grandissime qualità del Profeta Muhammad (pace e benedizioni su di lui)
Sermone del venerdì. In italiano dal minuto 25:56

"Ora vi è giunto un Messaggero scelto tra voi; gli è gravosa la pena che soffrite, brama il  vostro bene, è dolce e misericordioso verso i credenti."

La circoncisione é consigliata dai medici


Il dottor Cavalli polemizza con il collega Robotti
Immagini articolo

"Con la circoncisione igiene e protezione"
di PATRIZIA GUENZI


Una pratica consigliata, al di là delle motivazioni religiose. Auspicabile dal punto di vista medico, perché mette al riparo da numerose malattie. Tra le tante reazioni giunte in redazione, dopo l'articolo del Caffè pubblicato domenica scorsa sul tema delle circoncisioni, anche una autorevole, quella dell'oncologo Franco Cavalli. Il medico si dice scandalizzato dalla querelle sollevata dal dottor Guido Robotti che, nel servizio, criticava i metodi di fatturazione dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc) che non differenzia tra le circoncisioni (in totale oltre 200 l'anno) dettate da motivi religiosi e quelle fatte invece per ragioni mediche. In questo modo, sottolineava Robotti, a pagare è l'intera collettività, visto che la cassa malati rimborsa l'intervento (tra gli 800 e i mille franchi). "Le affermazioni di Robotti denotano una non conoscenza del problema - replica piccato Cavalli -. Oggi ci sono dati scientifici chiarissimi che dimostrano come la circoncisione dal punto di vista medico-sanitario sia utilissima. Consigliabile a tutti". E spiega: "Non solo per diminuire le infezioni in generale, ma anche Sida-Hiv. E, grazie alla migliore igiene maschile, per prevenire pure gravi patologie femminili, come il tumore del collo dell'utero".
Ma a far saltare la mosca al naso a Cavalli c'è anche altro. "È evidente che la polemica di Robotti ha un retroterra antislamico - nota -. Perché se la circoncisione fosse una pratica cristiana a nessuno sarebbe mai venuto in testa di polemizzare sul modo di fatturazione dell'Eoc. Mi dà molto fastidio questa sorta di islamofobia anche un po' razzista".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]